Welcome Home

Film che sento essere molto snobbato e disprezzato, fin da prima che uscisse, ma a me sinceramente non è parso affatto male. Si tratta di un buon thriller a mio avviso, permeato da ambientazioni tutte italiane che si respirano appieno, sia dai meravigliosi paesaggi che dai vicoli del paesello o ancora nelle parole di un barista in sottofondo. Scamarcio come Aaron Paul se la sono cavata molto bene e devo dire che pur essendo davvero convinto del contrario, anche Emily Ratajkowski ha dato prova di non essere male. Le dinamiche che si creano sono interessanti e togliendo qualche cosina che (come in ogni film) avrei cambiato/eliminato, devo dire che mi ha appassionato e tenuto in tensione man mano sempre più, incuriosito da cosa sarebbe accaduto. Sul finale c’è anche un twist che ho apprezzato molto e che funge tanto da colpo di scena per la trama, quanto da spunto di riflessione per noi spettatori. Io vi consiglio davvero di andare a vederlo e supportarlo al cinema e più che in altri casi, sarei curioso di sapere l’opinione di chi l’ha visto.

Lorenzo Usai

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta

<

Unici Magazine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi